Imposta di soggiorno

L'imposta decorre dal 1 aprile 2018

Nel Comune di JESI è istituita l’Imposta di Soggiorno, prevista dall’art. 4 del D. Lgs. 23/2011, con Delibera di Consiglio Comunale n. 155 del 18.12.2017.

L’applicazione dell’imposta decorre dal 01.04.2018.

CHI DEVE PAGARE

Soggetti passivi dell’imposta di soggiorno sono i soggetti non residenti nel Comune di Jesi che pernottano nelle strutture ricettive ubicate nel territorio comunale.

TARIFFE

Le tariffe da applicare sono le seguenti:

Categorie

Tariffa €/giorno

Alberghi 4 stelle o superiore

€ 2,00

Altre tipologie di alberghi

€ 1,50

Tutte le altre tipologie di strutture ricettive individuate dalla normativa regionale

€ 1,00

 

QUANTO SI DEVE PAGARE

L’imposta dovuta si calcola moltiplicando la tariffa relativa alla categoria della struttura ricettiva in cui i soggetti passivi pernottano per il numero dei pernottamenti, fino ad un massimo di sei pernottamenti consecutivi, purché effettuati nella medesima struttura.

ESENZIONI

Sono esentati dal pagamento:

  • i minori di anni sedici; 
  • coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie, per un massimo di un accompagnatore per paziente; 
  • i portatori di handicap non autosufficienti, con idonea certificazione medica, ed il loro accompagnatore;
  • i volontari appartenenti ad organismi riconosciuti che prestano servizio in occasione di calamità; 
  • soggetti che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche, per fronteggiare situazioni di carattere sociale nonché di emergenza conseguenti ad eventi calamitosi o di natura straordinaria o per finalità di soccorso umanitario; 
  • gli studenti non residenti che frequentano istituti superiori o universitari situati nel territorio comunale.

     

OBBLIGHI DEI GESTORI

I Gestori delle strutture ricettive devono:

  • rendere disponibili ai propri ospiti, in appositi e visibili spazi fisici e sul sito internet della struttura, se predisposto, le informazioni riguardanti l’applicazione, le tariffe le esenzioni dell’imposta di soggiorno;
  • rendere disponibili i modelli di dichiarazione per fruire delle esenzioni e richiederne la compilazione ai soggetti passivi;
  • riscuotere l’imposta dai soggetti che hanno pernottato, rilasciando apposita ricevuta, essendo il gestore della struttura ricettiva responsabile del pagamento dell'imposta di soggiorno, con diritto di rivalsa sui soggetti passivi;
  • riversare al Comune le somme riscosse entro il sedicesimo giorno dal termine di ogni trimestre mediante il sistema dei versamenti unitari di cui all'articolo 17 del D.Lgs. n. 241/1997 (cosiddetto “modello F24”) ovvero mediante versamento sul conto corrente di tesoreria comunale, in tal caso indicando con chiarezza, nella causale del versamento: Imposta di soggiorno (o I.D.S.), nome della struttura e periodo di riferimento;
  • in qualità di responsabili del pagamento dell’imposta, presentare la dichiarazione annuale cumulativa entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di riferimento. In attesa dell’approvazione del modello di dichiarazione ministeriale, l'obbligo di dichiarazione è assolto utilizzando il modulo predisposto dal Comune oppure inserendo i dati sui pernottamenti imponibili nella dichiarazione generata tramite il programma di gestione online dell'imposta di soggiorno (il cui utilizzo è facoltativo);
  • conservare tutta la documentazione utile alla determinazione dell’imposta almeno fino al termine del quinto anno successivo a quello in cui il soggetto passivo avrebbe dovuto versare l’imposta.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Art. 4 D. Lgs. 23/2011
  • Regolamento Comunale per la disciplina dell’Imposta di Soggiorno approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 155 del 18.12.2017 e modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 199 del 28.12.2020

Gallerie

Imposta di soggiorno

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy