Heautontimorumenos XXI di Alessandro Seri

Le Marche in Biblioteca 2021

Sin dal titolo è palese il richiamo all’omonima commedia del latino Terenzio (a sua volta calco di un precedente lavoro di Menandro),  nota soprattutto per una celeberrima battuta diventata un brand delle correnti umanistiche a partire dai tempi del circolo degli Scipioni: Homo sum: /  umani nihil a me / alienum puto, qui posta in esergo alla raccolta.
La stessa  struttura di quest’ultima – articolata in cinque sezioni, ognuna delle quali costituisce di fatto quasi un poemetto auto conclusivo – rispetta i canonici cinque atti della commedia antica ed una delle sezioni si presenta come “Parodio”, parola giocata, secondo un’intervista dell’autore che del resto è, tra l’altro, autore teatrale, sulla commistione tra  parodia e io dei poeti, ma che richiama anche il parodos, l’atto che segnava l’ingresso del coro sulla scena. L’alternanza tragico-comica permea tutta la tessitura del libro, che riunisce testi scritti negli ultimi tre lustri.

La conversazione con l'autore sarà accompagnata dalle letture di Arci Voce e dagli interventi musicali dell’insegnante di chitarra classica Claudio Durpetti della Scuola Musicale Pergolesi di Jesi.

L'autore
Alessandro Seri è nato a Macerata nel 1971; autore prolifico, è presente sia in versi che in prosa in diverse antologie; sue poesie sono state tradotte in inglese, francese, spagnolo, portoghese, persiano e israeliano.
È stato ideatore del premio letterario “Poesia di Strada”, giunto alla XXII edizione, del quale continua a presiedere la giuria. È direttore artistico del Festival “Licenze Poetiche” giunto alla XIX edizione. È stato, dal 2011 al 2017, direttore editoriale di Vydia Editore. Nel 2018 ha fatto nascere la Seri Editore.

Heautontimorumenos XXI di Alessandro Seri

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy